Recensione – Meteoropatici

INTRODUZIONE
Finalmente sono arrivate le tanto aspettate ferie e non vediamo l’ora di partite verso la nostra meta preferita, ma si sa, il clima è impazzito, Greta Thumberg non fa altro che ricordarcelo! Trovare
la nostra temperatura ideale è diventato sempre più difficile, lo sanno bene i 4 protagonisti di questo ultimo gioco della Clementoni: la fanatica dell’abbronzatura, il backpacker ecologista, il
poeta crepuscolare e il temutissimo yeti! In giro per il mondo questi 4 temerari avventurieri devono raggiungere le loro località ideali dal punto di vista climatico, almeno in 3 continenti, e soggiornandoci minimo una notte (ogni personaggio ha un range di temperatura ideale diversa). In sintesi è questo lo scopo di ogni giocatore in questa sfida all’ultima temperatura!!!!

SPECIFICHE
⏳ | 45-60 minuti
👥 | 2 a 4 giocatori
👪 | 10+⠀
🖋 | Clementoni
📆 | 2019

CONTENUTO e SETUP
La scatola contiene un tabellone che illustra il mondo nei suoi 6 continenti e, per ogni Meteoropatico, 1 scheda personaggio (di cartone robusto), 6 tessere continente, 7 dischetti che rappresentato i luoghi in cui si soggiornerà, 1 cilindro temperatura, 1 pedina personaggio. In più ci sono 44 carte azione e 4 tessere souvenir, disponibili per tutti. La chicca di questo gioco è la necessità di dotarsi di un assistente vocale al quale chiedere informazioni meteo e orari in tempo reale rispetto alla città richiesta; qui la diatriba tra Siri e Google si fa sentire! Noi abbiamo avuto modo di provarli entrambi e non abbiamo riscontrato nessun tipo di problema.
Nel setup del gioco disporremo il tabellone al centro del tavolo con i 4 souvenir messi a caso negli appositi riquadri; ogni giocatore sceglierà un personaggio (in base, forse, alla propria inclinazione di viaggio personale!) e disporrà intorno alla propria plancia i materiali elencati sopra. I cilindretti, invece, andranno disposti alla base del tabellone all’inizio del termometro.

A partire dal primo giocatore, si piazzerà la propria pedina su una città di partenza, che possa ipoteticamente avere la nostra temperatura ideale in questo momento; occorre considerare quindi,
che quando in Italia è notte in America, ad esempio, sarà giorno e quando qui è estate in Australia sarà inverno. Questo è un dettaglio non da poco per organizzarci la nostra partita…possibile vacanza ideale un giorno, chi può dirlo!!! Infine, dopo aver mescolato il mazzo di carte, se ne distribuiscono una a testa, mentre le altre vengono poste di fianco al tabellone, scoprendone 4.
A questo punto può iniziare il nostro viaggio.

IL GIOCO
Nel nostro turno possiamo fare 2 azioni:

  • Restare fermi o spostarci fino a 2 città adiacenti.
  • Chiedere il meteo della località scelta.

Preciso che una volta arrivati nella città desiderata, ogni giocatore, a partire dal primo, scommette sulla temperatura della città stessa. Per fare questo può usufruire dell’assistente vocale al quale chiedere informazioni sulla città e soprattutto l’orario.
Per quanto riguarda lo spostamento invece a dispetto di tutti i terrapiattisti, ricordiamoci che la terra è rotonda, e quindi da Sapporo possiamo benissimo arrivare a Santa Monica passando per
Honolulu!!! Una volta quindi scelta la città e chieste le dovute informazioni, usufruiamo nuovamente dell’aiuto dell’assistente vocale per domandargli il meteo.
Chi ha indovinato la temperatura sceglie una delle 4 carte scoperte, mentre chi differisce di un solo grado in più o in meno, pesca una carta dal mazzo. Gli altri non prendono nulla.
A questo punto, se la temperatura rientra nella fascia climatica del giocatore di turno, questi può soggiornarvi una notte, altrimenti passa il turno.
Inoltre, se è una prima notte in un continente nuovo, può scattarsi un “selfie”, fino ad un massimo di 3 in altrettanti continenti. Le carte pescate ci permettono di fare azioni aggiuntive come modificare la temperatura percepita, farci fare 2 notti nella stessa città, ecc.
I souvenir invece, uno per personaggio, ci forniscono azioni speciali come, ad esempio, giocare 2 carte nello stesso turno.
La partita termina non appena un giocatore ha completato le 7 notti nei 3 continenti.

CONCLUSIONI
Il gioco scorre molto bene e le azioni sono veloci e semplici da attuare. Si deduce un livello semplice ma non banale di gioco, che diverte di più se giocato in 4 giocatori; infatti con un maggior numero di persone si ha la possibilità di esplorare quasi tutto il mondo e confrontarci con tutte le temperature possibili.
L’interazione è sempre presente perché, anche non nel proprio turno, si è chiamati a scommettere sulla temperatura e si ha la possibilità di pescare una carta. Inoltre si possono giocare carte contro gli avversari o rubare i souvenir altrui.

Una strategia vincente può essere quella di ascoltare e memorizzare le temperature delle città scelte dagli altri giocatori, perché se compatibili con la nostra, possiamo tornarci nel nostro turno
a colpo sicuro!!! A livello tattico invece occorre valutare quando è il momento opportuno per giocarci le carte.
La grafica del tabellone non è nulla di eccezionale, dovendo rappresentare in maniera molto classica la terra; carine invece sono le plance personali e i “selfie” possibili.
Il regolamento è scritto bene, ricco anche di esempi e non dà adito a dubbi.
Consiglio il gioco a famiglie con figli in età scolare, perché può essere un modo per loro di conoscere zone climatiche diverse e un modo alternativo di studiare la geografia (testato
personalmente con i miei nipoti!!)
Di contro forse può non avere un’elevata rigiocabilità perché il gioco non offre molte variabili, se non il fatto di giocarlo diverse volte in diverse ore della giornata, nonché in stagioni diverse. Un family game a tutti gli effetti, divertente per il target a cui è rivolto, noioso forse per i più avvezzi del mestiere. Una partita vale comunque la pena farla, se non altro per decidere se la nostra vacanza reale prescelta, possa rispondere a livello climatico alle nostre esigenze!

I 4 PERSONAGGI

La fanatica dell’abbronzatura

Ama passare lunghe ore sotto il sole ad abbronzarsi. Preferisce le mete calde, le spiagge e le temperature decisamente alte. Ha bisogno di poco: nella sua piccola borsa ci sono solamente asciugamano e crema solare.

Il backpacker ecologista

Zaino in spalla, il backpacker è un giramondo sempre pronto a raggiungere la prossima meta. Ma che guaio il riscaldamento globale, il tempo è impazzito! Per questo si interessa di ecologia e viaggi sostenibili.

Il poeta crepuscolare

Gira sempre in impermeabile e cappello, adora l’autunno, il vento e la pioggia, che riescono a rendere poetico qualsiasi paesaggio e a scompigliare i suoi pensieri.

Lo yeti

Da quando ha lasciato le montagne ricerca continuamente un po’ di refrigerio. Dormirebbe nel frigorifero se solo potesse. Adora il gelato!

4 Mi Piace