Recensione – Kodachi

SPECIFICHE

⏳ | Circa 45 minuti
👥 | 2 a 4 giocatori
👪 | 14+⠀
🖋 | Adam West
🎨 | Drew Baker
📆 | 2019 WizKids In Italia grazie a Fever Games

INTRODUZIONE

GIAPPONE, 12° SECOLO, a seguito della Guerra Genpei hai
deciso di prendere un periodo di riposo, mettendo da parte la
tua spada ninjato nel desiderio di una vita pacifica. Purtroppo
ancora una volta i clan al potere hanno richiesto i tuoi servizi
per ristabilire il proprio onore. Dovrai essere furtivo, tagliente,
astuto e rapido, come una spada ninjato!

Kodachi è una spada giapponese che è troppo corta per essere considerata come una spada lunga, ma troppo lunga per essere un pugnale. Grazie alle sue dimensioni, può essere estratto e utilizzato molto rapidamente, così potrebbe essere utilizzato come una sorta di scudo in un combattimento corpo a corpo.

Il tuo obiettivo è rubare preziosi tesori affrontando le guardie poste a difesa, scegliendo se agire con la forza, giocando carte Dojo di alto valore o in maniera furtiva, giocando carte Dojo di valore più basso della guardia. I tesori ottenuti ti serviranno per alimentare voci e dicerie sul tuo conto, corrompere i delegati dei clan più importanti e migliorare le tua abilità.

Kodachi nasce come la versione di carte di un vecchio gioco da tavolo del 2011 chiamato Ninjato. Nella scatola però oltre alle carte troveremo anche una fustellina di buona qualità e con un discreto spessore che aggiunge alcuni token ed un simpatico Shuriken (stelletta ninja) … i lego in foto ovviamente non sono inclusi nella confezione! 🙂

Le specifiche sulla scatola sono un pò larghe, spesso le nostre partite sono durate meno dei 45 minuti indicati ed inoltre la difficoltà non è così elevata, possiamo giocarlo tranquillamente con dei ragazzi di 8/10 anni (mio figlio di 8 anni si è innamorato di questo gioco).

REGOLAMENTO IN BREVE

Andiamo a vedere come funziona un turno di gioco. Essendo un deck building partiremo tutti con lo stesso mazzo di carte, composto da 10 carte Dojo con dei valori numerici da 1 a 5 e due carte Abilità iniziali che hanno una doppia funzione.

Dopo aver mischiato il nostro mazzo, andremo a pescare la nostra mano iniziale di sei carte. Al centro del tavolo troveremo due mazzi diversi, uno composto da guardie normali (marroni) e guardie speciali (rosse) che possiamo quindi chiamare il mazzo delle Guardie, mentre nell’altro troveremo carte Delegato, Dicerie e varie carte Abilità che chiameremo mazzo Palazzo. Completano il set-up i segnalini clan e lo Shuriken.

All’inizio del proprio turno andremo a girare una carta Palazzo ed una carta guardia, che su di essa riporta un valore numerico. Poi prenderemo in mano lo Shuriken dove è raffigurato da un lato un ninja che agisce con forza e dall’altro un ninja che agisce con furtività. In base alla nostra mano di carte dobbiamo scegliere il tipo di incursione, impostando la stelletta dal lato desiderato. Questo approccio resterà uguale per tutte le guardie che andremo ad affrontare. Se scegliamo la furtività dobbiamo giocare carte e cercare di tenerci sotto il valore della guardia, mentre se decidiamo di effettuare l’assalto con forza dobbiamo superare il valore delle guardie. In questa fase le carte abilità ci vengono in aiuto modificando i valori delle nostre carte. Cosa succede una volta sconfitta la guardia? Accade che ci troviamo nuovamente a dover effettuare una scelta importante, ovvero… andare avanti oppure fermarsi? Push your luck lo chiamano gli esperti! Proprio come in giochi come il 7 e mezzo, possiamo decidere di rischiare ad andare avanti e quindi aumentare il nostro eventuale bottino oppure fermarci e raccogliere subito qualcosa di sicuro.

Le eventuali ricompense saranno i tesori stampati sulle carte guardie, oppure acquistare carte Palazzo. Si potrà prendere un numero di carte pari al numero di guardie sconfitte meno una. Indipendentemente dall’esito dell’attacco i nostri avversari al tavolo riceveranno sempre una carta e possono scegliere un tesoro tra quelli rimasti oppure spendere tesori precedentemente accumulati per una carta Palazzo da mettere direttamente nella propria mano.

Si continua così fino a quando non finiscono i segnalini clan oppure uno dei giocatori ne ha accumulati quattro.

CONCLUSIONI

Kodachi è un gioco molto divertente e ben ambientato. Le illustrazioni , lo Shuriken e l’arrivo in successione di guardie, ci simulano un vero e proprio assalto ninja dal quale possiamo uscire vittoriosi oppure tremendamente sconfitti senza la possibilità di raccogliere nemmeno una briciola. Il gioco scorre a meraviglia ed i punti morti sono praticamente assenti. Anche durante il turno degli avversari rimaniamo incollati a guardare l’esito degli attacchi ed inoltre, a fine turno, veniamo chiamati in causa per la scelta di una carta. Ovviamente è un gioco che dipende molto dal fattore fortuna, per questo motivo lo consigliamo per una serata dove vogliamo divertirci con un gioco veloce e vivace.

Il regolamento è molto chiaro ed è corredato da parecchi esempi utili. Il gioco si spiega in pochi minuti, anche se … il giocatore che si affaccia per la prima volta ad un deck building, potrebbe andare in confusione nel dover gestire le varie carte che si andranno ad accumulare sul nostro piano di gioco. Dopo qualche turno infatti avremo da una parte i tesori ed il mazzo degli scarti dall’altra la nostra mano di carte ed il mazzo di pesca. Nessun timore, dopo qualche partita vi verrà tutto in automatico.

Per quanto riguarda la scalabilità possiamo dire che il gioco gira benissimo in tutte le configurazioni ed in particolar modo nelle sfide 1 contro 1, dove possiamo tentare di fare qualche calcolo preciso sui vari set collection che stiamo facendo noi ed il nostro avversario.

Sul piano strategico del gioco abbiamo notato che potrebbe essere una buona cosa cercare di accaparrarsi subito delle carte che danno delle abilità in grado di modificare l’assetto ed i valori delle carte, in quanto il gioco a tratti è veramente imprevedibile! Una carta rossa con due guardie d’elite va affrontata con un buon equipaggiamento!

I materiali sono buoni e le illustrazioni tipiche del Giappone sono ben curate. La scatola seppur molto bella da vedere non permette di contenere le carte imbustate e non sarà possibile dividere i mazzi per tipologia se non con la rimozione dell’inserto in cartone.

Il gioco ha un prezzo di listino di € 19,90 che tutto sommato per ciò che troviamo nella scatola e per l’esperienza di gioco, possiamo dire che è un prezzo onestissimo.

Potete trovarlo nel vostro store di fiducia o anche direttamente sul sito della Fever Games

3 Mi Piace