Recensione – Match Up!

Match Up! Si presenta come un divertente Party Game, adatto sia a giocatori più esperti, che a giocatori più “occasionali”. È un divertente rompicapo dove, rispondendo alle domande proposte e abbinando le varie carte, sul finale bisognerà scoprire se si è “incastrato” tutto alla perfezione o meno!

SPECIFICHE: 

⏳ | 30/45 min
👥 | Da 1 a 10
👪 | 10+
🖋 | Joël Gagnon & M.eve
🎨 | Polly Lindsay
📆 | Maggio 2020 tramite Asmodee
💰 | 10€ circa

IL GIOCO: 

Come già accennato, con Match Up! Dovremo destreggiarci in un simpatico rompicapo composto da 50 carte parola e 49 carte indizio.

Nella versione cucina, le parole e gli indizi sono riferiti al campo culinario, mentre nella versione viaggi gli indizi riguardano svariate cose che possiamo trovare viaggiando in giro per il mondo.

Le carte parola andranno disposte a faccia in su in ordine sparso sul tavolo, mentre con le carte indizio andrà creato un mazzetto che, coperto, andrà posto sul tavolo alla portata di tutti. La carta risposta andrà utilizzata solo alla fine.

Prima di iniziare a giocare, si dovrà scegliere il livello di difficoltà da intraprendere: da 1 a 5, dove 1 sarà il livello più facile e 5 quello dove dovremmo spremerci di più le meningi!

A turno, ogni giocatore pescherà una carta indizio e, a seconda del livello scelto, leggerà ad alta voce la domanda proposta. Insieme i giocatori si concentreranno sulla possibile soluzione, che sarà sicuramente presente in una delle carte parola, con la quale l’indizio andrà abbinato.

Una volta concordata la possibile soluzione, la carta indizio andrà posizionata proprio sopra alla parola legata ad esso. In caso di dubbi, si può tenere da parte momentaneamente la carta indizio e cercare di abbinarla in seguito. Se, durante la partita ci si accorge di aver commesso un errore, le carte indizio già posizionate potranno tranquillamente essere ricollocate su di un’altra carta parola.

Una volta abbinate tutte le carte indizio alle parole, rimarrà scoperta una sola carta parola. Entra ora in gioco la carta “risposte” che ci permetterà di sapere se abbiamo abbinato tutto correttamente o meno.

Come? Molto semplice! Il codice presente sulla carta risposta, andrà confrontato con il codice presente sull’ultima carta parola rimasta (tenendo sempre conto del livello di difficoltà scelto in quella partita). Se i due codici sono perfettamente uguali, il rompicapo è risolto! Altrimenti, dovrete provare a correggere il tiro. Confrontate quindi i codici di ogni carta parola con l’indizio abbinato, quelle che non coincidono, rappresentano i vostri errori. Provate quindi ad abbinarle nuovamente, seguendo gli indizi.

In questo gioco è facoltativo il conteggio dei punti, ma se volete tener traccia di quanto siete stati bravi nei vari livelli, vi occorrerà prenderne nota. Avrete a disposizione 3 tentativi per riuscire a far concordare il codice della carta risposta, ogni tentativo errato, fa guadagnare meno punti. Confrontano poi i codici indizio con la carta parole, assegnate 1 pt per ogni abbinamento corretto. Il punteggio massimo è 100.

Se non si volesse giocare tutti in collaborazione, si può provare la variante competitiva a squadre. In questa modalità dovrete cercare di risolvere l’indizio in segreto con i componenti della vostra squadra, confrontando poi i codici su di esse per verificare l’esattezza della parola. Se i codici corrispondono, la vostra squadra ottiene 1 pt e un Bonus, diversamente la carta parola dovrà esser rimessa in gioco e la carta indizio scartata nella pila degli scarti. Ogni bonus guadagnato, vi permetterà di ripescare una carta dalla pila degli scarti, e tentare di risolverla. La partita termina quando gli indizi finiscono (indipendentemente dalla pila degli scarti). La squadra con più punti sarà la vincitrice!

IMPRESSIONI FINALI: 

Ho avuto modo di provare Match Up! Sia con giocatori più esperti, sia con giocatori alle prime armi. Il gioco ha entusiasmato tutti. Regole brevi e molto semplici, la scelta del livello di difficoltà permette di poter giocare anche con i più piccoli!

Noi abbiamo affrontato tutti e 5 i livelli.

Il primo livello è davvero facilissimo e alla portata di tutti, tant’è che, inizialmente, abbiamo preso il gioco fin troppo sotto gamba! Il livello delle domande al primo step possono essere, ad esempio:

Domanda: La luna degli sposi.

Risposta: Miele!”

Salendo di livello e arrivando al 5 invece, il gioco ci ha davvero messo alla prova! Molte carte abbiamo dovuto accantonarle momentaneamente, nella speranza di riuscire a incastrarle all’ultimo. Confesso che alla fine, per alcune di esse, abbiamo dovuto avvalerci di qualche “aiutino”.

Al 5 livello possiamo trovare domande come:

Un singolo pezzo della qualità Densuke è stato venduto a 5.800 euro

A livello di praticità, la scatola è molto piccola, al suo interno presenta giusto l’essenziale: le carte separate da un comodo divisore e le istruzioni. Questo fa di Match Up! Un gioco decisamente trasportabile ovunque.

Il gioco quindi è carino, utile per chiudere una serata, fare una partita veloce quando non si ha molto tempo, coinvolgendo anche molte persone insieme.

L’unico limite del gioco, a mio parere, è la scarsa rigiocabilità. Una volta provati tutti e 5 i livelli di difficoltà, le domande e le risposte saranno sempre quelle. Certo, non dico che si riuscirà a ricordarle tutte a memoria, ma non si avrà certo lo stesso entusiasmo delle prime partite. L’alternativa potrebbe essere quella di provarlo ogni volta con persone differenti, ma chi già ha testato i vari livelli, si ritroverà a conoscere buona parte delle risposte rendendo il tutto un po’ “noioso”.

Per il prezzo al quale è venduto, è sicuramente un giochino valido da provare.

0 Mi Piace